CINEMA RONDINELLA

RICHIEDILA

SOCIAL NETWORK

NOI SIAMO QUI

IL CALENDARIO







 


\



CINEFESTIVAL SPECIALE
“LA RICERCA DELLA PACE NEL CUORE DEI CONFLITTI”


 

Lunedì 26 ottobre
ore 15.30-20.30


NOTTURNO
di Gianfranco Rosi,
Italia, 2020, 1h40


Resoconto per immagini di tre anni di ricerca trascorsi lungo le zone di confine tra Siria, Libano, Iraq e Kurdistan. In nome di un'idea di Medio Oriente privo di linee separatrici ma scavato dalle ferite di guerra e occupazione, varie storie di umanità si intrecciano: un cacciatore in barca tra i canneti e una squadra di guerrigliere in pattuglia, un ragazzo che lavora a giornata per aiutare la famiglia e dei soldati a un posto di blocco. Uno spettacolo teatrale messo in scena dai pazienti di un ospedale psichiatrico e una maestra elementare che fa terapia di classe. Madri che hanno perso figli e figlie prigioniere che comunicano con le madri. Tra luce e oscurità, un mondo che resiste e reclama il suo quotidiano.
 

dalle ore 19.00
precede la proiezione:
MALAcosa
ATIPICHE VARIAZIONI CANTATE.
Performance-concerto interamente cantata di canzoni di vario genere, legate alla musica rock e popolare di diverse culture, in versione per trio vocale a cappella.
di e con Francesca Contini, Massimiliano Toffalori e Giulia Marra

 
Mercoledì 28 ottobre
ore 15.30


CRESCENDO -
#MAKEMUSICNOTWAR
di Dror Zahavi,
Germania, 2020, 1h42
con Gotz Otto, Daniel Donskoy, Peter Simonischek, Bibiana Beglau


Eduard Sporck, direttore d'orchestra di importanza mondiale riceve ed accetta la proposta di costituire un'orchestra formata da giovani musicisti israeliani e palestinesi con l'obiettivo di realizzare un concerto. L'impresa, già difficile sulla carta, si dimostra ancor più complessa nella realtà perché il confronto è da subito molto duro. In particolare i due più talentuosi musicisti, la palestinese Layla e l'israeliano Ron non si risparmiano attacchi. Sporck decide di trasferire tutto l'ensemble in Alto Adige, un luogo che ha segnato la sua vicenda personale, e lì tentare di proseguire le prove.

 

Giovedì 29 ottobre
ore 15.30-18.30


SONO INNAMORATO
DI PIPPA BACCA
di Simone Manetti, Italia, 2019, 1h16

8 marzo 2008: prende il via da Milano, con destinazione Gerusalemme, "Brides on tour", la performance dell'artista Giuseppina Pasqualino di Marineo, nome d'arte Pippa Bacca, e dell'amica Silvia Moro. Il viaggio prevede l'attraversamento in autostop di undici Paesi, con soste a casa di persone contattate in precedenza. Ad ogni tappa incontrano le ostetriche locali, perché Pippa possa lavare loro i piedi; rituale evangelico, imparato da piccola sul cammino di Compostela, che vuole esprimere riconoscenza per chi favorisce la vita in contesti postbellici. Luoghi in cui la correlazione tra bisogno e solidarietà si dà come un'evidenza, qualcosa che non ha bisogno di essere incoraggiato. Ma l'aspetto più sostanziale e spettacolare dell'azione consiste nel vestire per tutto il tempo del viaggio abiti da sposa concepiti e disegnati ad hoc.

 
Giovedì 29 ottobre
ore 20.30


ALLA MIA PICCOLA SAMA
di Waad Al-Khateab, Edward Watts, Gran Bretagna, 2019, 1h40.
Interviene alla proiezione
un rappresentante
dell’associazione
"UN PONTE PER"

Waad è una studentessa universitaria quando, nel 2011, sull'onda delle primavere arabe, la gioventù di Aleppo insorge contro la dittatura di Bashar al-Assas e ne domanda a gran voce la fine. La repressione del regime però è spietata e dà luogo alla più sanguinosa guerra civile del nostro presente. Molti fuggono, ma Waad resta, a fianco dell'amico Hamza, che diventa in quegli anni suo marito e anche l'ultimo medico rimasto, nella zona ribelle, per curare centinaia di feriti al giorno, nei mesi atroci dell'assedio della città, nel 2016.

 
Mercoledì 4 novembre
ore 19.00
Giovedì 26 novembre
ore 19.00

MALAcosa presenta lo spettacolo teatrale
CANTO AZZURRO
di e con Francesca Contini e Massimiliano Toffalori
Posti limitati con prenotazione obbligatoria


In ogni canzone c'è distanza.
La canzone non è distante, ma la distanza è uno dei suoi ingredienti,
così come la presenza è un ingrediente di qualsiasi immagine grafica.
È stato vero fin dalla prima canzone e dalla prima immagine.
La distanza separa o può essere attraversata per provocare un ricongiungimento.
Tutte le canzoni parlano in modo implicito (e spesso esplicito) di viaggi.

- John Berger, Il corpo delle canzoni -

Una donna nerovestita e seria, una giovane schiava muta e una mendicante, tessono la trama del destino che accompagnerà l’avventura di sette mercanti che, intraprendendo un viaggio volto alla razzia di tesori materiali e umani, pagheranno con la propria vita la loro avidità. Donne inizialmente spaventate dalla brutalità degli sconosciuti che invadono le loro terre ma in grado di muovere correnti sotterranee e magiche, distanti dalla logica del guadagno e impregnate di una forza che, travalicando i margini della storia, giunge fino a noi attraverso il loro canto. Il pubblico ha di fronte un uomo e una donna seduti. Lui ha al suo fianco una chitarra, che ancora non tiene imbracciata, lei una valigia. I loro sguardi inizialmente sono fissati su una distanza ma lei, ad un tratto, comincia a cantare. Poi uno sguardo viene gettato sul pubblico e la consapevolezza è che lo spettacolo, ancora una volta, deve cominciare. Sono una coppia? Sono commedianti? Sono cantanti?
 




Biglietto ore 15.30: 3,00 euro
Biglietto ore 18.30 - 20.30: 5,00 euro
Tessera Cinefestival da 10 ingressi: € 30,00
 
 

CINEMA RONDINELLA
Viale Matteotti 425 - Sesto San Giovanni (MI)
tel 02.22.47.81.83 - fax 02.24.41.07.09
Per ricevere la newsletter settimanale CLICCA QUI
PRIVACY POLICY