CINEMA RONDINELLA

RICHIEDILA

SOCIAL NETWORK

NOI SIAMO QUI

IL CALENDARIO







 

MULHOLLAND DRIVE
di David Lynch, Usa, 2001, 2h27
con Naomi Watts, Laura Harring
Restaurato in 4K nel 2021 da StudioCanal presso il laboratorio Fotokem/Criterion
Versione in lingua originale con sottotitoli in italiano.
VENERDÌ
26 Novembre
18.00 Proiezione unica
intero € 7,50 – ridotto € 6,00


CREDITS
Titolo Originale:
À bout de souffle
Regia:
David Lynch
Attori:
Justin Theroux, Naomi Watts, Laura Harring, Ann Miller, Robert Forster, Diane Baker
Soggetto:
David Lynch
Sceneggiatura:
David Lynch
Fotografia:
Peter Deming
Musiche:
Angelo Badalamenti, David Lynch - (musiche aggiunte), John Neff - (musiche aggiunte)
Montaggio:
Mary Sweeney
Scenografia:
Jack Fisk
Arredamento:
Josh Fifarek, Barbara Haberecht
Costumi:
Amy Stofsky
Effetti:
Philip Bartko, Gary D'Amico, David Domeyer, Catalyst Fx, Electric Sandbox Productions, K.N.B. Effects Group
Paese:
USA, FRANCIA - 2001
Durata:
145 Min
Produzione:
TOUCHSTONE TELEVISION - IMAGINE TELEVISION - THE PICTURE FACTORY - ASIMMETRICAL PRODUCTIONS - LE STUDIO CANAL+ - LES FILMS ALAIN SARDE
Distribuzione:
Cineteca di Bologna
 

SINOSSI:
In conseguenza di un incidente automobilistico avvenuto sulla Mulholland Drive di Hollywood, Rita perde la memoria. Betty Elms, un'attrice appena arrivata dall'Australia in cerca di gloria, cerca di aiutarla a ritrovare memoria e identità.

Mulholland Drive, uno degli indiscussi capolavori della fase matura dell’arte di David Lynch, nonostante e forse proprio attraverso l’ormai celebre ‘enigmaticità’ della sua struttura, possiede tutti gli ingredienti del ‘romanzo dell’‘abbandono’, esaltati da un’atmosfera noir particolarmente in sintonia con un progetto narrativo così centrato sui sentimenti. Perché il noir non è solo un genere di narrazione che fa perno sul delitto, sulla colpa, sul mistero: al suo interno, si agita sempre Eros, con la sua cieca forza distruttiva e i suoi labirinti di passioni. Comunque si voglia rendere conto della trama del film, risulta sempre più chiaro, via via che il film procede verso la sua conclusione (o retrocede, se si preferisce, verso il suo punto di partenza), che Lynch ha immaginato uno spazio onirico, o uno spazio immaginale, muovendo da una catastrofe sentimentale, dalla perdita di un Eden amoroso. Due donne bellissime si amavano, fino al giorno in cui una delle due ha messo fine alla storia, imboccando una strada nuova, e lasciando l’altra sulla sua spiaggia solitaria, nello strazio interminabile dei suoi giorni dell’abbandono. (Emanuele Trevi)
 


CINEMA RONDINELLA
Viale Matteotti 425 - Sesto San Giovanni (MI)
tel 02.22.47.81.83 - fax 02.24.41.07.09
Per ricevere la newsletter settimanale CLICCA QUI
PRIVACY POLICY