CINEMA RONDINELLA

RICHIEDILA

SOCIAL NETWORK

NOI SIAMO QUI

IL CALENDARIO







 

Il Cinema Ritrovato
PSYCHO
di Alfred Hitchcock, USA, 1960, 1h49.
con Anthony Perkins, Janet Leigh, Vera Miles, John Gavin, Martin Balsam
Versione restaurata in lingua originale con sottotitoli in italiano.

MARTEDÌ
11 Ottobre
15.30 - 21.15
intero € 7,50 – ridotto € 6,00
VENERDÌ
14 Ottobre
18.30
intero € 7,50 – ridotto € 6,00

Martedì 18 ottobre – ore 21.00
Lezione di Cinema
DENTRO LA DOCCIA
DI PSYCHO
a cura di Massimo Zanichelli
Un “corpo e corpo” con il thriller che ha sconvolto la storia del cinema: un progetto in cui nessuno credeva e che il sessantenne Hitchcock trasformò in un successo planetario, trasgredendo le regole del genere e rivoluzionando i canoni della rappresentazione. Un film choc pianificato «per far urlare il pubblico», dove si mescolano voyeurismo e violenza, che, a distanza di più di sessant’anni, non ha perso un grammo della sua forza d’urto. Dall’incipit alla celebre scena della doccia fino all’elettrizzante finale, l’antologia torna sui luoghi principali del capolavoro hitchcockiano, accostando citazioni, rifacimenti e parodie, da De Palma a Gus Van Sant, da Mel Brooks ai Simpson.

con il biglietto della proiezione: 7,50€
senza il biglietto della proiezione: 10,00€

Per la Lezione di Cinema è necessario prenotare inviando una mail a info@cinemarondinella.it
 

Il capolavoro del macabro di Alfred Hitchcock vede Anthony Perkins nei panni del tormentato Norman Bates, tassidermista e voyer, la cui vecchia casa buia e il motel adiacente non sono esattamente il posto dove trascorrere una serata tranquilla. Nessuno lo sa meglio di Marion Crane (Janet Leigh), la sfortunata cliente il cui viaggio termina nella famigerata scena della doccia, 45 secondi fra i più celebri della storia del cinema. A cercarla saranno un investigatore privato e la sorella di Marion (Vera Miles). Hitchcock gioca da maestro con le attese e le emozioni del pubblico: l'orrore e la suspense salgono fino a quando il volto del misterioso assassino verrà finalmente rivelato.

L'idea, in Psycho, è che basta una lieve deviazione nelle relazioni umane (deviazione di percorso, di comportamento, di desiderio) perché esse conducano alla distruzione. Psycho svela il caos appena sotto la superficie levigata della civiltà, la barbarie come sempre tra di noi, dentro di noi. (Peter von Bagh)

Ho sempre pensato che sullo schermo bisogna mostrare il minimo per ottenere il massimo sul pubblico. A volte è necessario mostrare un po’ di violenza, ma soltanto se vi è una forte motivazione. Per esempio, in Psycho è presente questo assassinio impressionistico in una doccia [...]. Ora, una volta mostrata quella scena, ho instillato nelle menti degli spettatori un’apprensione riguardo l’esistenza di un assassino in modo che, col procedere del film, ho potuto ridurre e praticamente eliminare l’ulteriore violenza perché desideravo che la minaccia fosse soltanto percepita. [...] Psycho è stato concepito soprattutto per depistare lo spettatore. Lo spettatore doveva pensare che il film parlasse di una ragazza che rubava 40.000 dollari. [...] La mia più grande soddisfazione è che il film ha avuto un effetto sul pubblico, ed era la cosa alla quale tenevo di più. In Psycho del soggetto mi importa poco, dei personaggi anche; quello che mi importa è che il montaggio dei pezzi del film, la fotografia, la colonna sonora e tutto ciò che è puramente tecnico possono far urlare il pubblico. (Alfred Hitchcock)

 


CINEMA RONDINELLA
Viale Matteotti 425 - Sesto San Giovanni (MI)
tel 02.22.47.81.83 - fax 02.24.41.07.09
Per ricevere la newsletter settimanale CLICCA QUI
PRIVACY POLICY